Piano di controllo e interventi su insetti

La direttiva CEE 2004/41/CE del 21/04/2004 sull'igiene dei prodotti alimentari recepita con il D.Lgs193/07 tende a garantire l'uniformità della qualità, soprattutto sotto il profilo igienico, in tutte le fasi della filiera agro-alimentare.

Sarà compito di quanti producono, somministrano o vendono prodotti alimentari individuare nella loro attività, ogni fase del processo che potrebbe determinare un abbassamento dello standard igienicosanitario del prodotto (Punti Critici) avvalendosi dei principi su cui è basato il sistema H.A.C.C.P. = Hazard Analysis and Critical Control Point (Analisidel Rischio e Punti Critici di Controllo).
In generale il Piano di Controllo degli Infestanti si mette in pratica mediante l'effettuazione di interventi di Monitoraggio dei roditori e degli insetti (blatte e insetti infestanti delle derrate) a cadenza bimestrale in accordo con quanto previsto dal D.Lgs.193/07.

Il sistema deve essere supportato da una documentazione scritta (planimetria e rapporti del monitoraggio) che costituiscono lo strumento
indispensabile per dimostrare come viene attuato l’autocontrollo sul processo.
Il Piano di controllo si basa sul rilevamento sistematico degli infestanti mediante monitoraggi che forniscono informazioni immediate (presenza o assenza di infestanti,determinazione quantitativa e qualitativa, area di localizzazione) ed informazioni a lungo termine (distribuzione nell’arco dell’anno
delle segnalazioni e frequenza delle infiltrazioni), dati indispensabili per pianificare un’efficace opera di prevenzione.
Il Monitoraggio si basa sull’impiego di trappole specifiche per il tipo di infestante da rilevare, che vengono posizionate nei locali e segnalate da appositi cartelli a muro oltrechè in planimetria.

HACCP
Share by: